Per una visione unitaria e integrata
della letteratura dell’arte e della conoscenza
Pagina facebook di Il ramo e la foglia edizioni Pagina twitter di Il ramo e la foglia edizioni Pagina instagram di Il ramo e la foglia edizioni Pagina youtube di Il ramo e la foglia edizioni
Per una visione unitaria e integrata della letteratura dell’arte e della conoscenza
Pagina facebook di Il ramo e la foglia edizioni Pagina twitter di Il ramo e la foglia edizioni Pagina instagram di Il ramo e la foglia edizioni Pagina youtube di Il ramo e la foglia edizioni

Notizie » A come Animali

Proposta di lettura [Libri] 18/04/2021 12:00:00

📘👌 “Haiku alfabetici”, una proposta di lettura (all’interno, cinque disegni appositamente realizzati da Graziano Dei):

⭐ “In questa sua originale rassegna, che partendo da Animali arriva a Zenith, con tappe significative che esplorano soprattutto atteggiamenti interiori dell’anima (Bene, Cuore, Dono, Ricordi, Gioia, Luce, Umanità, Vita), ha segnato un percorso emotivo di illuminazione personale, generosamente trasmesso ai lettori utilizzando la sinteticità dei tre versi canonici della millenaria composizione orientale.” Alida Airaghi su SoloLibri.net

⭐ “Ospitare Bettarini è riconoscere il suo lavoro intenso e appassionato tessuto per l’intera vita, sia come poeta, saggista, traduttrice, che come editrice per le edizioni Gazebo, curata fino al 2016 assieme a Gabriella Maleti. L’opera è dedicata amorevolmente alla stessa Gabriella Maleti.” Anna Maria Farabbi su CasaMatta

⭐ “Ma negli ‘Haiku alfabetici’, che si discostano notevolmente dalla tradizione (del tutto assente la presenza del Kigo), pur mantenendo una struttura ritmica di rilievo, la narrazione, che si snocciola all’interno della sequenza e lungo tutto il libro, è più evidente e tiene in pugno il lettore che rincorre il filo lirico che lega un haiku all’altro fino alla fine.” Valentina Meloni su Yawp

⭐ “Bettarini affronta l’haiku reinventandone dall’interno la struttura, che pur restando quella canonica dei tre versi di cinque, sette, e ancora cinque sillabe, in realtà si distende in una sorta di dialogo simpatetico con il lettore. Assistiamo a un ampliamento discorsivo, a un consegnarsi della parola non solo di verso in verso, ma anche e soprattutto di movimento in movimento.” Roberto Deidier su Ailanto

⭐ “Dalla A di animali alla N di natura, da O di orizzonte a Z di zenit un pullulare di significanti e di significati, in cadenza netta e veloce, si palesa come per un’attesa rivelazione. Ne viene un’accolta di sapienze, un trattatello di pensieri musicanti, che apre porte nel lessico e abbatte inerzie e pregiudizi.” Elio Pecora su LaRecherche.it

⭐ “Un ulteriore cestino di piccoli fiori poetici, che si aggiunge alla lunga serie di una espressività poetica rara, semplice e complessa, di cui Mariella è maestra, benché scevra da ogni alone cattedratico. Una tonalità espressiva che ritrovo sempre sulle sue corde di un violino, al tempo stesso popolare e ricco di una cultura alta e profonda. [...] In questa raccolta, Mariella unisce la forma-lampo dell’Haiku alle successioni dell’Alfabeto. Una sorta dunque di ricamo tra attimi a corona del Tempo.” Adam Vaccaro su MilanoCosa

⭐ “Ed è proprio il tono dolcemente canzonatorio e ironico a costituire, forse, la chiave di lettura di questi haiku.” Sebastiano Aglieco su Compitu Re Vivi

⭐ “Non è la prima volta che Mariella Bettarini si dedica a questo tipo di esercizio poetico, ma negli Haiku alfabetici che abbiamo sott’occhio ha organizzato un intero libro in modo del tutto nuovo: si basa sulle ventisei lettere dell’alfabeto, associando una parola a ogni lettera e dedicando cinque haiku a ogni parola. [...] gli haiku di ciascuna serie sono spesso strettamente legati tra di loro, cosa certo estranea al genere tradizionale, e talvolta si rincorrono affannosamente in un serrato gioco di frasi interrogative, di domande incalzanti e di risposte che non sempre sciolgono il dubbio insito nella domanda.” Davide Puccini su Il Grande Vetro

⭐ “Tutto è stato detto, tutto è stato interrogato, la Bettarini lo sa bene e lo ricorda bene avendo attraversato nella sua esperienza di scrittura modalità più diverse, lei così addentro al Novecento e insieme così aperta allo spirito evocativo e proprio, non imbrigliante della lingua e poco forse, dicevamo, insieme si è avanzati (se non, nel dubbio, pericolosamente statici anche?).” Gian Piero Stefanoni su Poeti del Parco

⭐ “Haiku alfabetici di Mariella Bettarini pone a fondamento del processo compositivo l’interrogazione. In questo, conferisce a ciascuno dei cinque haiku moltiplicati per le ventisei lettere dell’alfabeto inglese la genuina tensione del dire poetico.” Anna Maria Curci su Poetarum Silva

⭐ “Gli haiku sono certamente la forma di poesia più sintetica e concentrata che esista, in grado di cogliere in un attimo la folgorazione del poeta e restituirla con parole lucide come pietre miliari, in due o tre versi. [...] Questi haiku, susseguendosi l’uno all’altro, scandiscono una sillabazione della vita, offrendo una traccia da seguire, direi quasi un modello a cui conformarsi. Ne nasce un’orchestrazione facile e complessa nello stesso tempo, facile perché affascinante nella sua novità e semplicità, complessa perché giocata su figure che vengono completamete rovesciate rispetto al loro ruolo storico, per riempirsi di significati nuovi.” Anna Maria Vanalesti, dalla postfazione al libro


Visita la pagina del libro