Per una visione unitaria e integrata
della letteratura dell’arte e della conoscenza
Pagina facebook di Il ramo e la foglia edizioni Pagina twitter di Il ramo e la foglia edizioni Pagina instagram di Il ramo e la foglia edizioni Pagina youtube di Il ramo e la foglia edizioni
Per una visione unitaria e integrata della letteratura dell’arte e della conoscenza
Pagina facebook di Il ramo e la foglia edizioni Pagina twitter di Il ramo e la foglia edizioni Pagina instagram di Il ramo e la foglia edizioni Pagina youtube di Il ramo e la foglia edizioni

Di prossima pubblicazione

Se vuoi essere informato relativamente alle prossime uscite e altre novità, puoi iscriverti alla nostra Newsletter »

In libreria dal 21/10/2022
In copertina: Simone Giaiacopi, “L’uomo che legge”, olio su tavola, 2013, collezione privata.

In copertina: Simone Giaiacopi, “L’uomo che legge”, olio su tavola, 2013, collezione privata.

La vita nascosta
Raffaele Donnarumma

collana Romanzi | n. 8

copertina flessibile: 140x210 mm - pp. 328
ISBN: 9791280223210

prezzo: € 18,00

data di pubblicazione: 21/10/2022
Arrivato alla soglia della mezza età, R., protagonista e narratore di questa storia, deve fare i conti con il fallimento di una lunga relazione. Lasciato dal suo compagno per un gioco imprevisto di tradimenti, smarrito, confuso, cerca di riappropriarsi di una vita che lo spaventa. Come tanti, si fa prendere dall’ossessione, prima per la cura del corpo poi per i siti d’incontri; e quanto più sembra inseguire gli altri, tanto più mette uno schermo fra sé e loro. Ma un giorno, proprio in rete, conosce L., un ragazzo ombroso, scostante, e se ne innamora. Solo dopo qualche tempo scopre cosa renda L. distante e inaccessibile e mentre il suo amore assume le tinte melodrammatiche dell’io ti salverò, si fanno strada in lui risentimenti e gelosie. Incapace di reggere il confronto generazionale, recalcitrante ai doveri che gli imporrebbe la sua età, R. sente che la vita gli sfugge e gli si nasconde, e cerca una paradossale via di scampo.
“La vita nascosta”, in una scrittura piena di accensioni, di commozioni e di ironie, alterna scene da dramma sentimentale e da commedia involontaria, tra riflessioni turbate sulle nostre identità, sul sesso, sulla depressione, sul virtuale e, insomma, sul nostro barcollante stare nel mondo, nel tentativo insieme di attraversarlo e di difendersene. È la storia delle nostre ansie, della nostra ansia di vivere.

*

«Libera dalle scorie, purificata nella sua sostanza, tra me e lui restava la forma dell’amore, immateriale nonostante il contatto con la sua pelle umida, il suo odore nelle narici, i suoi baci in bocca che non sapevano di nulla. Non mi sarei staccato da lui, che cedeva, e quella che compivo era l’esperienza dell’irraggiungimento, inseguivo qualcosa che non avrei avuto, mi appagavo della frustrazione.»

*

Puoi acquistare il libro 📚📬 rivolgendoti al tuo libraio di fiducia (siamo distribuiti da Messaggerie Libri) oppure in tutte le librerie on line, eccone alcune 👇👀

📗 Amazon
📙 Ibs
📘 Libreriauniversitaria
📕 Hoepli
📒 La Feltrinelli
Scarica la copertina fronte/retro Scarica la copertina fronte-retro del libro
Scarica la scheda del libro Scarica la scheda del libro

In libreria dal 11/11/2022
Copertina: Marcel Proust a ventuno anni (1892) fotografia di Paul Nadar, da Wikimedia Commons

Copertina: Marcel Proust a ventuno anni (1892) fotografia di Paul Nadar, da Wikimedia Commons

È un demonio, quel Proust!
Armando Santarelli

collana Saggi | n. 3

copertina flessibile: 140x210 mm - pp. 184
ISBN: 9791280223265

prezzo: € 16,00

data di pubblicazione: 11/11/2022
L’infanzia e la giovinezza del più grande romanziere del Novecento

*

«Sono affetto da molto tempo da una malattia, una strana malattia […] si chiama proustite, ed è ormai in uno stato cronico, perché da circa cinquant’anni non smetto di leggere o rileggere tutto ciò che riguarda la persona che mi ha contagiato, e che risponde al nome di Marcel Proust.
Sul romanziere francese si sono scritte montagne di libri in tutte le lingue del mondo; la sua importanza nella letteratura è tale che non c’è grande scrittore o critico che non si sia misurato in qualche modo con l’opera proustiana.
Tuttavia, nella consapevolezza di poter aggiungere poco o niente alla sterminata produzione critica e biografica esistente, si può almeno sperare di avvicinare a Proust i lettori che non lo conoscono o che vogliono sapere di più di colui che è considerato da molti il più grande romanziere del Novecento. [...] Perciò ho ripercorso strade sicure, già battute dai biografi storici di Proust e da alcuni autorevoli esegeti del pensiero e dell’opera proustiana. [...] In particolare, è all’infanzia e alla giovinezza di Proust che mi sono dedicato, nella consapevolezza che quel tempo retrospettivo, illuminato dalla doppia luce della memoria volontaria e della memoria involontaria, andrà a costituire il magico lievito della sua produzione letteraria.» dalla Introduzione dell’autore

*

«Dreyfus precisa che Proust poteva parlare appassionatamente di Racine, Hugo, Musset, Lamartine, Baudelaire e Leconte de Lisle… Non sempre, però, gli andava bene. Un giorno, sull’omnibus a cavalli che da Auteuil arrivava alla Madeleine, un’intima amica di sua madre, Mme Marie-Marguerite Bertin, moglie di Anatole Catusse, lo apostrofò con queste parole: “Ma avete intenzione di parlare così per tutto il giorno?” Proust ricordava l’episodio, per filo e per segno, ancora trent’anni dopo.»
Scarica la copertina fronte/retro Scarica la copertina fronte-retro del libro
Scarica la scheda del libro Scarica la scheda del libro

In libreria dal 25/11/2022
Copertina: disegno originale di Simone Giaiacopi<BR>La stanza della musica, olio su carta su tavola, 27x38 cm, 2022

Copertina: disegno originale di Simone Giaiacopi
La stanza della musica, olio su carta su tavola, 27x38 cm, 2022

Bach
Pedro Eiras

collana Racconti | n. 4

copertina flessibile: 140x210 mm - pp. 160
ISBN: 9791280223227

prezzo: € 15,00

data di pubblicazione: 25/11/2022
Strutturato non in capitoli convenzionali, ma in quattordici sezioni, il libro parla di tutto ciò che ruota attorno alla figura del compositore tedesco: la musica in primis, a cui si aggiungono il ricordo di Bach attraverso la lettera della seconda moglie, Anna Magdalena, del 1750, la lettera di Gustav Leonhardt all’amico Nikolaus del 1973, il montaggio cinematografico di Straub e Huillet nel 1968 (dove Leonhardt ha interpretato Bach), Lisboaleipzig di Maria Gabriela Llansol; il ricordo di Anna Magdalena Bach nella biografia romanzata di Esther Meynell; i dibattiti musicali intrapresi da un gruppo di tecnici del suono newyorkesi; il silenzio della musica durante i viaggi della deportazione, tra cui quello di Etty Hillesum; il tema universale della vita e della morte e l’effetto catartico della musica celebrati nelle varie sezioni.
La scrittura fluida, ora di impronta moderna, ora contemporanea, abbinata a un meticoloso e filologico approccio testuale e ad affascinanti intrecci intertestuali, rappresentano la cifra stilistica di Pedro Eiras che permette al lettore di lasciarsi trasportare in spazi e tempi diversi, solo apparentemente lontani tra loro.

*

«Non si può risuscitare il XVIII secolo, ma inventare il passato in base al nostro desiderio. Per questo inventiamo il nostro desiderio. Per questo Esther Meynell è fedele soprattutto quando ritrae la scena più inverosimile: Anna Magdalena che sorprende Johann Sebastian a comporre, fuggendo, piangendo, proprio come piangiamo noi oggi.»

*

Puoi acquistare il libro 📚📬 rivolgendoti al tuo libraio di fiducia (siamo distribuiti da Messaggerie Libri) oppure in tutte le librerie on line, eccone alcune 👇👀

📗 Amazon
📙 Ibs
📘 Libreriauniversitaria
📕 Hoepli
📔 Mondadori
Scarica la copertina fronte/retro Scarica la copertina fronte-retro del libro
Scarica la scheda del libro Scarica la scheda del libro

Per qualunque domanda puoi contattarci: contatti »

Se invece vuoi inviare il tuo manoscritto consulta la pagina: invio manoscritti »