Per una visione unitaria e integrata
della letteratura dell’arte e della conoscenza
Pagina facebook di Il ramo e la foglia edizioni Pagina twitter di Il ramo e la foglia edizioni Pagina instagram di Il ramo e la foglia edizioni Pagina youtube di Il ramo e la foglia edizioni
Per una visione unitaria e integrata della letteratura dell’arte e della conoscenza
Pagina facebook di Il ramo e la foglia edizioni Pagina twitter di Il ramo e la foglia edizioni Pagina instagram di Il ramo e la foglia edizioni Pagina youtube di Il ramo e la foglia edizioni

Notizie » Paolo Ruffilli intervista Concetta D’Angeli

Intervista [Autore] 07/07/2021 12:00:00

«Organizzato in tre parti, il romanzo, suddiviso in dodici capitoli con una Cronologia finale parte integrante del testo, riflette il punto di vista “a specchio” di ciascuno dei protagonisti, in una sorta di caleidoscopio e in una costruzione strutturale molto interessante che mescola generi (memoriale, diario, epistola) e modi (prima e terza persona), con l’uso di una lingua vivace e scintillante.» Paolo Ruffilli

📝 Ringraziamo Paolo Ruffilli e Italian Poetry per la recensione a “Le rovinose” e l’intervista all’autrice Concetta D’Angeli.

P.R. 🎤 Come nasce il romanzo, dietro a quale idea?

C.D’A. 🎤 Il mio punto di partenza quando scrivo i romanzi non è un’idea, cioè una formazione mentale strutturata, o una tesi che voglio dimostrare; parto piuttosto da un sentimento che voglio indagare o da un avvenimento che mi ha emozionata o da un personaggio (fittizio) al quale voglio dare vita e sviluppo. Poi, per avviare la narrazione, di solito ho bisogno di un’immagine, che può avere una funzione centrale nel racconto, o mantenersi laterale, o perfino scomparire. Nel caso di Le rovinose l’immagine è quella delle due protagoniste che si salutano, forse per sempre, di qua e di là da una porta chiusa a chiave.

📝👀👇

Approfondisci: leggi la recensione e l’intervista di Paolo Ruffilli »
Visita la pagina di Concetta D’Angeli